top of page

SCARPE ROSSE E DIRITTI DELLE DONNE

In concomitanza con il mese per i diritti delle donne molto spesso vengono utilizzate come simbolo contro la violenza scarpe rosse, scarpe rosse per protesta per dire che ci siamo e come tali vogliamo essere prese in considerazione, senza dover ribadire ogni volta la nostra autodeterminazione.


Pensando al rosso di quelle scarpe mi vengono in mente i suoi molteplici significati che da sempre questo colore ci evoca: colore del lusso e della festa, colore del fuoco, della gioia, della guerra, colore del dinamismo e della creatività, ma anche colore dell’amore e dell’erotismo, della passione e dei suoi pericoli, del sangue delle donne e del suo tabù, tabù che ci portiamo dentro dalla notte dei tempi. Ma quanta strada bisogna ancora fare prima di scrollarsi tutto di dosso? Non dimentichiamoci del rosso dell’isteria, legato al non controllo dell’impulso femminile, o almeno così dicono.


Rimanendo in tema di diritti, questo ultimo anno è stato più drammatico di quanto lo si potesse immaginare, sia dal punto di vista della salute che dal punto di vista sociale, abbiamo passato un anno veramente complicato a dir poco. Come spesso capita in fase di difficoltà economica, sociale e umanitaria quasi sempre sono le donne a rimetterci più di altri, partendo dal lavoro fino ad arrivare alla violenza domestica, costrette in diversi casi a restare a casa a volte in situazioni borderline. Nell'ultimo anno il 99% del lavoro perso è stato a discapito delle donne.


C'è chi è dovuta rimanere a casa a prendersi cura dei propri figli o dei propri cari in generale, tra didattica a distanza e tutto ciò che ne consegue da una situazione così estrema. Dal governo hanno anche provato a creare aiuti, ma evidentemente qualcosa non ha funzionato e i dati ce lo dicono chiaro e forte.


Questo paese ha veramente voglia di tutelare e creare diritti che si possano chiamare tali a favore delle donne? Oppure è più opportuno parlarne a spot giusto per creare elettorato ma intanto lasciare le cose come stanno o addirittura continuare a contrastarle? Probabilmente queste scarpe rosse avranno ancora molta strada da fare, purtroppo.

Evidentemente questo paese non è ancora pronto a mollare il proprio machismo a favore della parità, parliamo parliamo ma rimaniamo sempre allo stesso posto, al massimo facciamo qualche passo indietro e i femminicidi ce lo ricordano tutti i giorni. Ma quanta paura fanno queste scarpe rosse?


Poi se sono alte belle, sensuali, ma anche basse, brutte, sdrucite c'è proprio da esserne terrorizzati per trattarle così male, talmente male che la parola femminicidio ha dato in fretta assuefazione, come una qualsiasi parola di routine alla quale ci si abitua in fretta perché ormai "è normale".


Nella storia si è lottato tanto per i diritti delle donne, ma il vero problema è che sembra che questa lotta non finisca mai, ancora si fa fatica a comprendere il concetto di uguaglianza e libertà, parole non molto difficili da imparare ma soprattutto da insegnare, si perché la società come l'essere umano in generale va educato fino a quando quelle scarpe rosse saranno libere di correre senza aver paura che qualcuno le fermi.

17 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comentarios


bottom of page